Tecnologia… la battaglia del secolo!

Perché i bambini amano guardare tanto il cellulare?

La difficoltà del secolo è quella di distogliere i nostri bambini dal guardare tablet, tv, cellulari.

Ma perché è così sbagliato?

Diciamoci la verità, magari torniamo tardi da lavoro stanchi morti e non abbiamo la forza di stare lì a giocare con i nostri bambini e dedicargli attenzione (e ci sta perché capitano a tutti giornate storte!) perciò diventa molto più facile mettere nelle loro mani questi aggeggi che hanno il grande potere di “incantarli” e farli stare buoni e fermi per un po’.

Se si tratta di qualche minuto al giorno non c’è nulla di male, il problema diventa se questi minuti diventano ore ed ore.

A quel punto, potremmo creare dei veri e propri “danni”.

Eh sì… questi strumenti hanno purtroppo la capacità di far estraniare completamente il bambino dalla realtà, talmente tanto che non percepiscono più cosa accade intorno a loro, né suoni, né voci, ne odori, non esiste nient’altro.

Scommetto che vi sarà capitato di chiamare il vostro bambino mentre è intento a guardare un cartone in tv, oppure un video sul cellulare e di non avere risposta.

Ecco spiegato il perché!

In pratica avviene una completa assenza di stimoli e il cervello si ipnotizza davanti a delle sequenze di immagini che non portano a nessun obiettivo educativo.

E allora cosa dobbiamo fare?

Lo so che non è facile, ma l’unica cosa che possiamo fare è quello di essere forti, costanti e tenaci nel non lasciare nessun strumento del genere nelle mani del bambino.

Un’alternativa? :

  • I libri! In fondo cos’è un cartone se non una storia che può essere anche ascoltata e sfogliata in un libro?

Con la differenza che il libro ha immagini che stimolano la fantasia e la creatività, la storia raccontata coinvolge l’adulto in un’attività che non rende isolato il bambino.

Ma quali libri posso scegliere? Ecco una serie di scelte suddivise per età e tematiche.

  • Dedichiamogli tempo! Anche se stanchi o presi da mille cose da fare dedichiamo tempo, giochiamo con il nostro bambino, usiamo il tempo e la fantasia con lui facendo qualcosa che lo impegnerà, per esempio facendo delle attività manuali insieme, anche da fare in casa.

  • Usciamo! Andiamo in un bel parco giochi, un giardino o semplicemente facciamo una passeggiata sul lungomare.

Respiriamo aria pulita e il nostro bambino potrà divertirsi insieme a noi anche a fare compere!

  • Facciamo sport! Eh sì, si può fare sport anche a partire dai due anni, per esempio quello adatto a questa età è il nuoto, consigliato dai pediatri addirittura a partire dai 40 giorni di vita. È un momento che si condivide con mamma e papà che farà bene al bambino e non solo.

In alternativa, possiamo usare in casa una palestrina per i più piccini che sarà utile per intrattenerli in maniera più costruttiva.

  • Diamo noi l’esempio! I bambini imparano tutto per imitazione quindi dobbiamo essere noi i primi a non usare tanto il cellulare in loro presenza.

È un oggetto che conoscono perché vedono noi usarlo, perciò diamo il buono esempio e, arrivati a casa, stacchiamo tutto. In fondo, ci serve davvero?

Il vero bambino è quello che fa, si muove e agisce!

E se proprio vogliamo usarlo, ricordiamoci che siamo noi gli adulti e che decidiamo noi cosa vedere e per quanto tempo.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *